Il bucato puzza? Ecco quali sono i motivi e come intervenire sui cattivi odori

“Perché il mio bucato appena lavato puzza, anziché profumare?”: se è proprio questa la domanda che spesso ti poni, ma non hai ancora trovato una risposta e una soluzione allo spiacevole problema, forse posso farlo io per te! Come? Continua la lettura dell’articolo e ascolta i miei consigli in merito!

Come mai il bucato non profuma? Scopri con me le possibili cause e le soluzioni!

Che sappia di vaniglia, agrumi, fiori di campo, ecc. non fa la differenza: è sempre un’estasi di piacere sentire l’odore fresco, pulito e profumato del bucato appena tolto dalla lavatrice…  o per lo meno questo è quello che avviene in tutte le pubblicità di detersivi o ammorbidenti, in cui il/la protagonista di turno prende il bucato di turno, ci tuffa con energia il naso dentro e se lo abbraccia quasi fosse il/la proprio/a partner.

Nel nostro caso invece, apriamo lo sportello della lavatrice e di sicuro quello che avvertiamo non è fragranza di bucato pulito, anzi tutt’altro, e men che meno vorremo metterci il naso dentro! Quindi un bucato non “da stendere”, ma “che stende”!

Non c’è però da preoccuparsi, perché oggi ti dirò quali sono i possibili motivi che causano la puzza sul bucato e come porvi rimedio!

Può sembrare banale, ma una delle cause di odore sgradevole del bucato, a cui molte volte non facciamo attenzione, e il lasciarlo a lungo all’interno della lavatrice dopo che il lavaggio è stato ultimato, con conseguente ritardo nello stendere. I panni non raccolti nel cestello, diventano l’ambiente ideale per le muffe, che possono provocare la famosa puzza. E’ bene quindi ricordarsi di raccogliere il bucato per tempo e di metterlo subito ad asciugare.

Altra causa di cattivo odore del bucato è quella di effettuare spesso lavaggi a temperature troppo basse, cioè a meno di quaranta gradi. Forse non sai che le temperature non elevate, possono fare accumulare maggiormente le impurità nei condotti della lavatrice e perciò, alla lunga, è molto facile l’arrivo di odori poco piacevoli, che finiscono per concentrarsi poi anche nel bucato. Inoltre tieni presente che a meno di 40° un bucato non può ritenersi pulito a dovere, quindi un motivo in più per preferire temperature maggiori (l’ideale è  tra i 40° e i 60°). Per le stesse ragioni, non sono solo sconsigliati i lavaggi a basse temperature, ma anche quelli brevi.

Il bucato ha un cattivo odore? Occhio alla manutenzione della lavatrice!

Altri problemi possono essere dovuti ad una scarsa attenzione e manutenzione di alcune parti della lavatrice stessa, come il filtro e la guarnizione attorno allo sportello (quella davanti).

Ti consiglio quindi, periodicamente, di dedicare un po’ di tempo alla pulizia di questi componenti, mettendo nel vano detersivi dell’aceto bianco (1/2 bicchiere) o, in alternativa, del bicarbonato di sodio (circa due cucchiai) e facendo un lavaggio a cestello vuoto (a 90°). Questo perché sia uno che l’altro ingrediente, permettono di togliere il calcare e sgrassare perciò le tubature e le altre parti descritte della lavatrice.

Infine, anche una sistemazione sbagliata del tubo di scarico può provocare cattivi odori nel bucato, che deve essere collocato tra sessanta e settanta centimetri di altezza rispetto al pavimento.

E tu, hai mai avuto problemi di brutto odore del bucato? Come li hai risolti? Erano dovuti a qualcuna di queste cause o ad altre? Fammelo sapere nei commenti!

Scritto da: Claudio

Blogger per caso, blogger per passione. Si occupa di scrivere guide e articoli, scegliendo gli argomenti di maggiore interesse. Ama il cinema, le serie tv, i giochi di ruolo, ma non disprezza la buona cucina e le serate tra amici.

Leggi tutti gli articoli di Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.